INFANZIA

Guarda il Virtual Tour
Slider

COSA APPRENDIAMO

La scuola dell’infanzia offre un ambiente ricco di relazioni positive, di stimoli, di momenti di crescita. Ogni contesto di gioco, di relazione, di emozione e di apprendimento è ideato e realizzato con consapevolezza per promuovere lo sviluppo dell’identità, dell’autonomia, dell’autostima, delle competenze sensoriali, percettive, motorie, sociali, linguistiche e intellettive. La nostra azione educativa si realizza attraverso l’apprendimento gioioso; con l’attenzione diretta all’individuo – cura personalis – e facendo emergere la potenzialità creatrice di cui ciascun bambino è dotato – il suo magis.

COME APPRENDIAMO

Il punto di partenza di ogni azione d’insegnamento è sempre l’alunno, nel rispetto dei suoi bisogni, necessità, limiti e potenzialità, stili, tempi e ritmi di apprendimento, esperienze pregresse e contesti di appartenenza. Le nostre strategie educative-pedagogiche si pongono come un approccio integrato e inclusivo, che non si so- stituisce ai contenuti tradizionali, ma li utilizza perché tutti i bambini possano sviluppare i diversi ambiti della
propria intelligenza.

GLI SPAZI
I bambini usufruiscono di spazi flessibili che configurano la mobilità del singolo e la vita del gruppo in ma- niera diversa durante la giornata: l’aula, la palestra, la cappella, la mensa, il laboratorio, il parco-giochi, l’orto didattico. Ogni aula è strutturata in angoli dedicati a lettura, gioco, travestimenti, attività grafico-pittori- che-manipolative, relax…

IL BILINGUISMO
Il bilinguismo nelle sezioni della scuola dell’infanzia è realizzato attraverso il “co-teaching”, ovvero la com- presenza costante delle insegnanti, italiana e madrelingua inglese, nell’ambito di tutte le attività della gior- nata (accoglienza, preghiera, appello…). L’apprendimento avviene attraverso la full immersion con esperien- ze, sperimentazione e uso del linguaggio. In questo modo i bambini sviluppano anche l’intonazione e la pronuncia corrette in modo spontaneo.

I PROGETTI
I progetti fondamentali che si ripetono annualmente sono:

  • Progetto Accoglienza per i nuovi iscritti.
  • Progetto prerequisiti letto-scrittura per i bambini dell’ultimo anno della scuola dell’infanzia.
  • Progetto continuità per il passaggio alla scuola primaria.

Questi vengono integrati da diverse iniziative come Riciclò, Filoso-favole, Orto didattico, Mangio bene per crescere bene, Lettura e Ascolto, Musica e parole….

IL SERVIZIO DI PSICOLOGIA SCOLASTICA
La psicologa scolastica affianca la scuola e la famiglia, accompagnando la crescita dei bambini, attraverso attività di: counseling per genitori e docenti, osservazione dei bambini in classe, formazione/informazione per famiglie e insegnanti su tematiche specifiche.

L’ORGANIZZAZIONE E L’ORARIO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE
La scuola dell’infanzia è strutturata in sei sezioni omogenee per età, 3 – 4 – 5 anni e da tre sezioni primavera (18-24 mesi). Tutte le sezioni, dal lunedì al venerdì, seguono il seguente orario.

LA COMUNICAZIONE SCUOLA-FAMIGLIA

  • Il Grillo Parlante (newsletter per le famiglie)
  • Laboratorio scuola-famiglia con la psicologa scolastica
  • Assemblee di classe
  • Colloqui con le insegnanti, il coordinatore, la psicologa scolastica

LA METODOLOGIA

La valorizzazione della vita di relazione, che sollecita il bambino a sviluppare la sua sfera affettiva: il rispetto, la serenità, l’allegria, lo scambio, l’ascolto, l’aiuto sono componenti essenziali per diventare dei buoni adulti e dei cittadini del mondo.

La valorizzazione del gioco, che è risorsa privilegiata di apprendimento e relazioni: il gioco è uno strumento per lo sviluppo del bambino, attraverso il quale egli sperimenta, esprime la sua creatività, acquisisce le prime regole sociali e morali, regola le sue emozioni.

La progettazione aperta e flessibile, che permette al bambino di elaborare il proprio processo di crescita;
essa deve partire dal bambino e rispettare la sua soggettività predisponendo interventi individualizzati
per il raggiungimento degli obiettivi stabiliti.

La ricerca/azione e l’esplorazione, sono leve indispensabili per favorire la curiosità, la costruzione, la verifica delle ipotesi e la formazione di abilità di tipo scientifico.
La mediazione didattica, che sviluppa nei bimbi le capacità metacognitive, cioè la capacità di impadronirsi delle abilità e delle attitudini idonee a facilitare gli apprendimenti continui che essi dovranno realizzare durante la loro vita, con un’educazione del pensiero sul piano del linguaggio, dell’apprendimento e della metodologia, cioè “imparare a pensare” e “imparare ad apprendere”.
L’utilizzo del problem solving, dove il porsi delle domande sulla realtà consente di arrivare a nuove conoscenze che portino alla risoluzione dei problemi di partenza.
Il lavoro di gruppo e le attività laboratoriali, che consentono percorsi esplorativi nei quali si uniscono i saperi disciplinari a quelli di ricerca e di verifica, si sperimentano dinamiche comunicative caratterizzate da disponibilità, calma, condivisione.
Le uscite didattiche, le gite e le esperienze all’esterno, che permettono che “il mondo fuori della scuola” diventi palestra di vita e di conoscenze.
Le risorse umane e la compresenza delle insegnanti, che permettono la condivisione e il rafforzamento dell’impegno educativo.
L’osservazione sistematica dei bambini, dove le insegnanti osservano le dinamiche, i comportamenti e le esigenze dei bambini al fine di riorganizzare, attraverso progetti e attività l’intervento educativo.
La documentazione del loro lavoro, che permette ai bimbi, e alle famiglie, di conservare la memoria di esperienze vissute e di riflettere sul loro operato, sulle loro conquiste, sul riconoscimento della propria identità e di quella del gruppo, al fine di sviluppare la capacità di lettura della pratica educativa quotidiana.